Xbox One: Per Phil Spencer le esclusive dovevano essere di più

Phil Spencer

Come sappiamo il lancio di Xbox One nel 2013 non è stato dei migliori, anzi ha fortemente subito la concorrenza di PlayStation 4 sotto due aspetti principali: esclusive e prezzo troppo elevato (a causa del Kinect).

L’iniziale gestione firmata Don Mattrick è stata un disastro, e venne presto sostituito dal Phil Spencer che ha cambiato completamente le strategie di sviluppo con retrocompatibilità, Play Anywhere, l’arrivo di Xbox One X e il servizio Xbox Game Pass.

Nel corso di una video-intervista a Fortune Magazine, Spencer ha spiegato che un ulteriore fattore che ha dato vita a un lancio piuttosto negativo per la console è stata la carenza di esclusive.

Infatti dopo aver raddrizzato il timone della società, e rilanciato la console, ha puntato all’acquisizione di studi di sviluppo e la creazione di studi nuovi come quello dedicato alla saga di Age of Empires e The Iniziative. Attualmente tra le proprie fila Xbox Game Studios è composto da ben 14 sviluppatori differenti.

Per ora è ancora presto per vedere nuove esclusive, che con tutta probabilità vedranno la luce direttamente su Xbox Project Scarlett, trainate da Halo Infinite.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.