Cyberpunk 2077: azioni di CD Projekt in ripresa. Dopo la patch 1.1 sono tornate al valore di novembre

Cyberpunk 2077

La tempesta su CD Projekt e Cyberpunk 2077 sembra essere ormai alle spalle. Soprattutto alla luce dei nuovi dati di vendita, trainati nel mese di dicembre dal gaming su PC. Le azioni della società polacca sono tornate a crescere nelle ultime ore, riportando il titolo ai valori di novembre 2020, prima della bufera.

Banner Telegram Gametimers 2

Ormai è cosa nota che il lancio di Cyberpunk 2077 non sia andato propriamente benissimo. Tutto questo nonostante si sia trattato del miglior lancio digitale di sempre, secondo Superdata.

Da un lato la versione PC che ha avuto voti altissimi ed è spettacolare, dall’altra la versione console che soprattutto su PS4 slim e Xbox One S è stata definita ‘disastrosa.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech-drop-Ps5-Xbox-RTX

Lo sviluppatore è subito corso ai ripari promettendo rimborsi e pubblicando una serie di hotfix prima di Natale, seguiti dalla patch 1.1 dei giorni scorsi. Questo aggiornamento ha decisamente migliorato la stabilità del gioco, riducendo i crash del gioco su console.

Il valore delle azioni nella borsa polacca è tornato a superare i 360 Zloty, un valore analogo a quello che aveva già nel mese di novembre 2020 quando l’hype per il gioco era alle stelle. E da questo momento in poi le cose non possono che migliorare. Tanto più che i modder potranno scatenarsi grazie ai tool di sviluppo ufficiali pubblicati da CD Projekt RED.

Di recente anche Elon Musk ha elogiato il lavoro svolto da CD Projekt RED su Cyberpunk 2077, pur evidenziandone i difetti. Il titolo infatti sarà giocabile anche sul sistema di intrattenimento integrato nella nuova Tesla Model S Plaid, assieme a The Witcher 3.

La vettura infatti sarà dotata di un sistema di intrattenimento custom da 10TFlop in grado di offrire un’esperienza alla pari o superiore a PS4 Pro, Xbox X e Series S.

Non ci resta quindi far altre che vedere come si evolverà la situazione. E voi ci state giocando? Che ve ne pare?

Fonte: Investing.com