Harry Potter: Warner Bros. mette in commercio la Burrobirra ufficiale!

burrobirra butterbeer warner bros harry potter
Banner Telegram Gametimers 2

Il fenomeno di Harry Potter sembra non essere destinato mai a finire. Immergersi nel suo mondo magico fatto di incantesimi e scope volanti è un desiderio che non smette mai di essere attuale. Warner Bros ne è consapevole e ha deciso di mettere in commercio la famosa bevanda che fa parte dell’universo descritto da Joanne Rowling chiamata Burrobirra.

In passato era possibile assaggiare una riproduzione di questo fantasioso drink solo visitando il Warner Bros. Studio Tour London – The Making of Harry Potter, conosciuto come Harry Potter Studios. Anche i parchi del Wizarding World offrivano questa possibilità dissetante.

Da adesso quest’obbligo sparirà come se colpito da una potente magia. Difatti, ora è possibile acquistare una versione imbottigliata della bevanda allo studio tour e al suo negozio. Le spedizioni attualmente sono possibili solo nel Regno Unito, ma saranno poi inclusi altri paesi.

La versione che però noi acquisteremo sarà analcolica a differenza di quella del libro. Alcuni ingredienti usati sono acqua gasata, zucchero, sciroppo di glucosio, succo di pera concentrato, aromi naturali, radice di zenzero e estratto di quillaia.

MinaLima, lo studio della coppia che ha lavorato ai film, si è occupato dell’interessante design della bottiglia.

Wanner Bros Studio Tour London ha pubblicato sul proprio profilo Twitter una pubblicità molto simpatica dedicata proprio a questa versione della Burrobirra.

Insomma, un altro modo per tuffarsi nelle atmosfere magiche tanto amate dal pubblico. Molti sono in attesa di novità sul prossimo videogioco GDR dedicato proprio ad Harry Potter, proprio perché ogni scusa è buona per sentirsi in qualche modo nel suo mondo.

Se siete appassionati di incantesimi e lotte tra potenti maghi, vi consigliamo anche di provare SpellBreak. Un free-to-play già disponibile che potrebbe ricordarvi le atmosfere incantante che ci ha fatto vivere la scuola di Hogwarts.

Fonte: usatoday

Rispondi