PlayStation 5: Jim Ryan le scelte di Microsoft non ci hanno influenzato sul prezzo della console

PlayStation_5_Jim_Ryan

Jim Ryan nega che le scelte di Microsoft riguardanti il prezzo di Xbox Series X e Series S abbiano influenzato in qualche modo sul prezzo di 5. Il CEO di Interactive Entertainment parla chiaro nell’ultima concessa al periodico EDGE. Sul numero 353 della rivista, Ryan ha parlato ampiamente del lancio di PlayStation 5 in tutto il mondo.

Banner Telegram Gametimers 2

Ampio spazio, ovviamente, alle difficoltà legate alla pandemia di Corona Virus. Il covid, dice Ryan, non ha influito poi molto sulle strategie che Sony voleva già mettere in atto. In una intervista precedente, concessa all’agenzia di stampa russa TASS aveva però esternato il suo sollievo per essere riuscito in quella che pareva una impresa titanica. Mai più lanci con una pandemia in corso” aveva dichiarato il manager. Questo nonostante la soddisfazione di essere riuscito a vendere tutte le console disponibili.

Parlando invece della strana identicità tra il prezzo di PlayStation 5 e quello di Xbox Series X, Ryan rigetta l’ipotesi che Sony si sia lasciata influenzare da Microsoft. Secondo il dirigente di SIE tutto era stato deciso tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020. Prima della pandemia e, soprattutto, prima che Microsoft svelasse al mondo il prezzo di Series X. Come sappiamo, sono molti gli esperti in materia convinti che Sony stia piazzando PS5 sul mercato con una perdita stimata in 100 dollari per unità venduta. Significa che, per andare in pari, Sony avrebbe dovuto vendere PlayStation 5 ad almeno 100 dollari in più.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech

Questo, però, fa parte di una strategia ben consolidata in campo marketing ovvero il modello razon & blades ideato da Gillette e applicato fin dalla fondazione. Regalare i rasoi per vendere le lamette, tradotto: ‘regalare’ le console per vendere i giochi. Un meccanismo ben noto in ambito videoludico.

Insomma, Ryan si discosta definitivamente dalle scelte operate dal suo ‘rivale‘ in affari Phil Spencer. Sarà vero oppure Sony avrà scelto di attendere le mosse ’avversario prima di muovere le sue pedine sulla scacchiera?

Fonte: EDGE Magazine