PlayStation 5: la modalità di prova a tempo gratis dei giochi sta scatenando le polemiche della rete!

ps5-demo-gratis-tempo-polemiche

Qualche giorno fa vi avevamo parlato di come Sony avesse iniziato a inviare inviti ad alcuni giocatori su PlayStation 5 per provare gratuitamente dei giochi per un limitato numero di ore.

Il problema cardine di quest’iniziativa assolutamente interessante, e che in queste ore sta facendo piovere una valanga di critiche è dovuto proprio a una problematica legata al tempo limitato. In poche parole il countdown inizia nel momento in cui si avvia il download del titolo in questione o lo si aggiunge alla libreria dei giochi attraverso l’applicazione ufficiale di Sony.

Un problema che purtroppo va tenuto in considerazione se contiamo che i titoli PlayStation 5 pesano una mole di Gigabyte non indifferente e non tutti hanno accesso a connessioni performanti per poter scaricare rapidamente il titolo. Di fatto parliamo di una prova gratuita che si attesta sulle 5-6 ore complessive, dopo le quali il gioco in prova diventa inutilizzabile.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech

Se teniamo conto che molte persone hanno connessioni che per scaricare un titolo massiccio necessitano di diverse ore, il problema si fa sentire. Ad esempio Death Stranding Director’s Cut che appartiene alla categoria dei giochi “messi in prova, il problema si fa sentire.

La soluzione sarebbe quella di rendere attivo il timer per il conto alla rovescia solo una volta che il gioco viene lanciato per la prima volta dopo il download, in modo da non sottrarre tempo prezioso alle poche ore messe a disposizione dei giocatori PlayStation 5.

Non è chiaro per quale motivo Sony abbia deciso di optare per questa scomoda modalità, ma speriamo che le proteste i feedback degli utenti coinvolti in questi test possano convincere la società a rivedere questa modalità di prova gratuita.

Al momento ovviamente non ci sono stati ancora comunicati da parte di Sony che probabilmente starà ponderando la situazione prima di dare la propria risposta. Ovviamente vi terremo aggiornati.

Nel frattempo in una recente intervista, Jim Ryan il CEO di Sony ha manifestato il desiderio di vedere un giorno i giochi non essere più esclusiva console, ma fruibili da utenti di tutte le piattaforme.

E voi cosa ne pensate? Fatecelo sapere, come sempre, nei commenti.

Fonte: comicbook