[Rumor] Project Scorpio come PlayStation 4 Pro?

scorpio

Ieri Phil Spencer ci ha raccontato di aver provato con mano Project Scorpio e il suo primo gioco sulla nuova console Microsoft, ve ne abbiamo parlato in questa news.

Dall’altro lato dell’Oceano Atlantico invece Richard Leadbetter, fondatore di Digital Foundry, ha fatto un’accurata analisi dell’hardware di Project Scorpio in base alle informazioni sulle caratteristiche tecniche che ha ricevuto direttamente da Microsoft.

Il documento in questione è però vago e incompleto, quindi i punti di analisi sono relativamente pochi. Ma da questi Leadbetter evince come Project Scorpio potrebbe essere una console mid-gen come il caso di PlayStation 4 Pro.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech

Tra le prime cose che saltano all’occhio è l’assenza della memora ESRAM, presente in Xbox One, e che serviva a risolvere problemi con la latenza troppo elevata delle di tipo DDR3. Project Scorpio adotterà un nuovo tipo di memoria RAM con latenze più basse e 320GBPS di banda. Questo probabilmente andrà anche a migliorare la compatibilità con i che sono in forte ascesa come piattaforma di gioco.

Per quel che riguarda la potenza grafica, in linea del tutto indicativa Project Scorpio dovrebbe essere 4,5 volte più performante di Xbox e raggiungere i 6TFlop e una memoria cache incrementata di quattro volte. Non ci sono dettagli sull’architettura della GPU che con molta probabilità sarà quella Polaris (adottata da Xbox S), oppure un ibrido con la più recente Vega che verrà utilizzata per la prossima generazione di schede video AMD Radeon.

Nel documento si parla anche di poter elaborare i componenti grafici a 60Hz, mentre la lavora a 30Hz e di un famigerato upscaling Sparse Rendering che dovrebbe essere un’evoluzione del checkerboard.

Tutti questi punti, benchè il documento sia stato prodotto poco dopo l’annuncio all’E3 dello scorso anno, fanno pensare che Project Scorpio sia molto più simile a PlayStation 4 Pro di quanto si possa pensare.

Attendiamo ulteriori dettagli per poter diradare la nebbia che circonda questa console. Qui di seguito vi proponiamo l’analisi completa effettuata da Richard Leadbetter. Buona visione.