Game of Thrones, sequel su Jon Snow: Kit Harington “non sa nulla”

game-of-thrones-il-trono-di-spade-jon-snow-kit-harington

In un’ concessa al Happy Sad Confused, noto podcast di Josh Horowitz, Kit Harington ha ammesso che “non sa nulla” (citazione necessaria, ndr) riguardo una possibile serie TV sequel incentrata su Jon Snow, limitandosi a dire che se dovesse continuare a parlare, dovrebbe farlo per indovinelli. Una domanda, però, tutt’altro che casuale, visto che c’è stato un gran chiacchierare a riguardo nel corso dell’estate.

Andando con ordine, l’universo televisivo di Game of Thrones è tornato alla ribalta negli ultimi 12 mesi, grazie innanzitutto all’ di House of the Dragon, serie TV che ha superato le aspettative del pubblico regalando quelle sensazioni che solo Il Trono di Spade sa regalare. Nata come spin-off e prequel, la serie TV ha saputo dare una ventata d’aria fresca al brand, riportandolo in auge e registrando numeri da record.

La serie sulla casata Targaryen non è però l’unica in sviluppo, in quanto George R. R. Martin confermò di avere idee su una serie TV sequel di Game of Thrones incentrata su Jon Snow e ambientata, ovviamente, dopo la discutibile Stagione 8. Le informazioni a riguardo latitano. Sebbene diverse pagine parlino di conferma ufficiale, al momento di confermato pare ci sia poco e nulla. Qualcosa però esiste, se si tenta di guardarla tra le righe.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech-drop-Ps5-Xbox-RTX

Come già affermato, Kit Harington ha dichiarato: “tutto ciò che posso dire è che non so nulla a riguardo”, il tutto con un tono un po’ ironico, conscio di star citando una frase di Ygritte, interpretata da sua moglie Rose Leslie. L’attore ha poi aggiunto di non poter dire nulla a riguardo, recriminando inoltre a George R. R. Martin di “parlare un po’ troppo”.

Josh Horowitz ha poi chiesto, nel tentativo di far fare un passo falso all’attore, se quest’ultimo avrebbe gradito un ritorno nelle vesti del personaggio, purtroppo con esito negativo. “Finirei col parlare per enigmi, se dovessi continuare questa discussione”.

Fonte: Josh Horowitz