Babylon’s Fall crolla su Steam. Record negativo di un solo giocatore online!

babylons fall peggio gioco playstation 5 godfall

Non accenna ad arrestarsi la discesa quasi verticale di Babylon’s Fall. Il titolo di Platinum Games, su Steam, fa registrare numeri meno che bassi. La settimana scorsa è stato toccato il minimo storico di un singolo utente connesso al gioco dalla piattaforma di Valve.

Lanciato a marzo, Babylon’s Fall ha subito prestato il fianco a feroci da parte dell’utenza. Nemmeno chi l’ha recensito ha utilizzato mezzi termini per raccontare di un titolo con diversi problemi al momento del lancio. Uscito in esclusiva console per PlayStation 4 e 5 e su PC, Babylon’s Fall è stato definito come peggior esclusiva PS5 da Godfall (curioso che entrambi abbiano “fall”, caduta, nel titolo). I numeri su Steam non sono stati esaltanti nemmeno al day one. Le prime settimane di vita del multiplayer sono state caratterizzate da picchi di appena 650 giocatori connessi contemporaneamente.

Un numero calato progressivamente fino alle ultime settimane quando gli strumenti che monitorano l’andamento dei vari giochi su Steam ci facevano registrare numeri al di sotto della decina e, settimana scorsa, al 4 maggio, addirittura con un singolo utente connesso. Il picco degli ultimi 30 giorni è inferiore a 200 videogiocatori. La media si aggira poco sotto i 60.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech-drop-Ps5-Xbox-RTX

Platinum Games ha preso un ‘forte schiaffo’ dall’utenza alla quale ha poi deciso di rivolgersi chiedendo aiuto e consigli per migliorare quanto fatto fino ad ora. Secondo gli sviluppatori, i contenuti per la stagione 2 sono già pronti. Presto, dunque, dovrebbero essere resi disponibili per tutti.

C’è solo da capire per quanto tempo i developer proseguiranno col supporto al titolo. Babylon’s Fall è stato recepito davvero male, come vi abbiamo già detto. A meno di grossi cambiamenti, dunque, difficile che possa esserci una vera ripresa.

Babylon’s Fall potrebbe essere l’ennesimo caso di promesse infrante dalla software house di turno. A proposito di ciò, uno ha deciso di ironizzare sulle campagne marketing fin troppo ‘ottimistiche’.

Fonte: Steam Charts