Fortnite: ministro indonesiano chiede che venga bandito nel suo paese

Fortnite

Fortnite è nuovamente al centro di una bufera. Un ministro indonesiano ha chiesto che venga bandito nel suo paese a causa dei contenuti creati dagli utenti. Questi avrebbero creato una mappa che raffigura un luogo sacro islamico.

La richiesta di bandire Fortnite dall’Indonesia è stata fatta a causa di una mappa creata da un utente che permetterebbe di distruggere una raffigurazione di una struttura sacra. Come riportato da CNN Indonesia e GameIndustry.biz, il ministro per il turismo indonesiano e l’economia creativa Sandiaga Uno ha annunciato l’intenzione di voler vietare Fortnite nel suo paese dopo la scoperta di questa mappa creata da un utente che presumibilmente consente ai giocatori di distruggere un edificio simile alla Kaaba, un luogo sacro per i musulmani.

Epic Games ha pubblicato una dichiarazione sulla pagina Facebook di Fortnite Middle East chiarendo che la mappa è stata in realtà creata da un membro della community in “modalità creativa” e che l’edificio non può essere distrutto sulla mappa. “Vorremmo sottolineare che il nostro team rispetta tutte le religioni e lavora a stretto contatto con nostri creatori di contenuti di gioco per fornire un’esperienza di gioco sicura per tutti i nostri giocatori”.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech

Quando sono stati contattati per ulteriori commenti, Epic Games ha indirizzato GameSpot alla sua dichiarazione su Facebook.

Prima della dichiarazione di Epic Games, Sandiaga Uno ha affermato di aver sentito che la struttura potrebbe essere distrutta sulla mappa e che i giocatori sarebbero stati premiati con armi e avanzamento di livello per averla distrutta.

“Il gioco Fortnite è direttamente contro i valori elevati, in particolare quelli religiosi” ha affermato Sandiaga Uno in una nota. “Questo può innescare comportamenti irrispettosi tra le comunità religiose e incoraggiare atti di violenza”.

Il ministro ha affermato di aver incaricato un team di indagare sulla situazione e di emettere un divieto, sperando che ciò “avvertisse alcuni sviluppatori di giochi di stare attenti”.

Il ministro delle Comunicazioni e dell’Informazione dell’Indonesia, Johnny G. Plate, ha da allora riconosciuto che la mappa è stata creata da un utente e non da Epic. La polizia nazionale indonesiana sta lavorando per rintracciare il creatore della mappa.

Fonte: Gamespot