Kojima Productions: il nuovo gioco dopo Death Stranding sarà svelato a breve

Kojima Productions

Secondo quanto riportato da un’ fatta su Al Hub, l’Art Director di Kojima Productions, Yoji Shinkawa, si è lasciato sfuggire un piccolo dettaglio sul prossimo progetto della compagnia. L’azienda, infatti, aveva svelato già l’anno scorso di essere al lavoro su un nuovo titolo, anche se alcuni indizi erano già stati rilasciati da Kojima dopo l’uscita di Death Stranding.

Banner Telegram Gametimers 2

Durante l’intervista, Shinkawa ha dichiarato che: “Beh sì, sto facendo qualcosa, per davvero, e potrei dirti che lo annunceremo molto presto“. L’Art Director è un collaboratore di lunga data di Kojima. Egli, infatti, è responsabile della creazione di personaggio e mecha nella di Metal Gear.

Del progetto in sviluppo presso Kojima Productions non si sa ancora nulla. Il titolo è ancora avvolto nel mistero. Si vociferava che potesse essere un horror, ma alcune fonti hanno dichiarato che l’idea fosse stata accantonata. Secondo VGC, infatti, Hideo Kojima era al lavoro su un gioco esclusivo per Google Stadia che, però, è stato cancellato a causa di motivi ignoti. Questo titolo sarebbe dovuto essere un progetto a episodi, anche se non è mai riuscito ad andare oltre lo stadio preliminare.

Altri rumor, invece, parlavano di un gioco con armi, mecha e veicoli, anche se in questo caso l’idea più plausibile era quella del seguito di Death Stranding. Lo stesso Norman Reedus, infatti, aveva detto di come fosse al lavoro su altro progetto con lo studio, suggerendo che fosse qualcosa relativo a Death Stranding. Sappiamo anche che, in passato, Kojima ha espresso il desiderio di esplorare nuove categorie di gioco. L’interesse, infatti, era verso il cloud gaming presente in alcune piattaforme, come per l’appunto, .

Le ipotesi, per il momento, sono tante, insieme all’attenzione verso questo nuovo progetto che rimane alta. Siamo sicuri che Kojima riuscirà ancora una volta stupirci con le sue idee. Vi aggiorneremo non appena ne sapremo di più.

Fonte: Videogameschronicle