Red Dead Redemption 2, proprio come GTA 5, lascia Xbox Game Pass dopo 4 mesi

Rockstar Games gta red dead redemption
Banner Telegram Gametimers 2

Arthur Morgan e la banda di Dutch van der Linde stanno per dire addio al catalogo di Xbox . L’aggiornamento di maggio aveva reso disponibile Red Dead Redemption 2 per il servizio di abbonamento Microsoft, mentre il 7 settembre smetterà di esserlo. Una permanenza durata soli 4 mesi, come già avvenuto per GTA 5.

Curioso notare come l’altro importante titolo di fosse entrato a far parte del da gennaio a ne fosse uscito a maggio. Entrambi gli di Rockstar hanno condiviso lo stesso numero di mesi trascorsi tra i titoli giocabili per gli abbonati al servizio.

Non possiamo dire se si tratti di una possibile costante o una semplice coincidenza, ma è comunque interessante farlo notare.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech-drop-Ps5-Xbox-RTX

Gli accordi con Rockstar non sono sembrati essere particolarmente duraturi. Dopotutto, parliamo di due titoli che hanno avuto un incredibile successo commerciale, sopratutto per quanto riguarda l’ultimo capitolo della serie di GTA.

Non c’è da stupirsi che Sucker Punch con il loro Ghost of Tsushima abbiano deciso di ispirarsi ad uno dei due trionfi della Software House , considerando anche la grande accoglienza ricevuta.

Ricordiamo che recentemente un’altra notizia ha unito le due serie Rockstar, ovvero la separazione dalla compagnia di ‘Lazlow‘ Jones, uno dei scrittori e produttori dell’azienda statunitense.

Riguardo all’aspetto narrativo, sapevate che i fan dell’acclamato sequel di Red Dead Redemption hanno organizzato una petizione per richiedere la realizzazione di DLC dedicati alla storia?

Come considerate queste importanti rimozioni dal catalogo del Game Pass? Pensate che la permanenza sia stata troppo breve oppure la ritenete sufficiente?

Non dimentichiamo comunque che Microsoft potrebbe avere ancora delle grosse novità per il suo servizio.

Ricordate sempre di dirci la vostra nello spazio commenti e di continuare a seguirci per ricevere nuovi possibili aggiornamenti sui servizi Microsoft e non solo.

Fonte: Kotaku