Electronic Arts in vendita? Per Geoff Keighley potrebbe essere ceduta o fondersi con NBC Universal!

Electronic Arts EA

Il mondo dei videogiochi in questi ultimi mesi sta notevolmente cambiando. Ed Electronic Arts potrebbe non essere da meno, e affacciarsi anche lei al cambiamento in atto. Si parla di cessioni, fusioni, partnership e quant’altro, con interessanti voci che vorrebbero anche il publisher americano cavalcare questi ‘venti di cambiamento‘.

Anzi a dir la verità un importantissimo cambiamento per Electronic Arts c’è già stato. Dopo quasi 30 anni di collaborazione EA Sports e FIFA hanno deciso di separarsi. FIFA 23 sarà l’ultimo capitolo con questo nome sviluppato da EA Sports, poi il titolo calcistico prenderà il nome di EA Sports FC.

Secondo le voci che circolano, Electronic Arts sarebbe vicino a una fusione con NBC Universal, come riportato sia da Kotaku sia da Geoff Keighley. Il publisher starebbe da tempo cercando un partner davvero importante. Infatti EA aveva avviato diverse trattative anche con altri partner quali: Apple, Amazon e Disney, come ha svelato nei suoi tweet Geoff Keighley. Al momento NBC Universal è in pole position, ma questo non significa che ha già vinto il Gran Premio.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech-drop-Ps5-Xbox-RTX

Come dicevamo a inizio articolo, l’intero mondo del gaming è stato piuttosto in subbuglio in questi ultimi mesi. Xbox e PlayStation sono ampiamente aperte alle acquisizioni. Quando Microsoft acquisì Zenimax e Bethesda per 7,5 miliardi di dollari sembrava qualcosa di colossale, ma invece era solo un antipasto prima dell’acquisizione di Activision, Blizzard Entertainment e King per 68,7 miliardi di dollari.

Dal canto suo Sony Interactive Entertainment ha invece acquisito Bungie, con lo scopo di creare un suo nuovo Game As A Service in stile Destiny che manca completamente nell’ ludica delle esclusive PlayStation.

In queste settimane si parla molto anche di Ubisoft, in particolare come conseguenza dei rinvii e le voci non incoraggianti sullo stato dei lavori di alcuni titoli, come Beyond Good & Evil 2, Skull & Bones e il remake di Prince of Persia. Il CEO dell’azienda, Yves Guillemot, ha confermato che il publisher francese resterà indipendente ma che allo stesso tempo valuterà ogni proposta di partnership e/o acquisizione.

Molti di questi nodi con tutta probabilità verranno sciolti nelle prossime settimane con l’inizio della stagione estiva degli eventi, orfana ancora una volta dell’E3, che dovrebbe gettare le basi per quel che vedremo nel corso di questa next-gen che inizia a far registrare numeri importanti!

Fonte: KotakuGeoff Keighley