Mafia Definitive Edition: grafica remake contro gioco originale. Ecco il video confronto

mafia definitive edition hangar 13 2k games lost heaven
Banner Telegram Gametimers 2

Il remake del leggendario Mafia The City of Lost Heaven, opera originariamente sviluppata da Illusion Softworks, è attualmente disponibile su PlayStation 4, Xbox One e PC. Nelle nostre pagine potete trovare la recensione di Mafia Definitive Edition, curata da Kristian Angeloni. Il lavoro di rifacimento effettuata da sembra essere assolutamente degno del gioco originale.

Sul nostro canale Youtube potete vedere la prima missione del remake, giocata su PC con RTX 2070. Il lavoro tecnico è sicuramente un bel vedere, ma come si confronta con il titolo pubblicato nel 2002?

Il canale di GamingBolt ha pubblicato un montaggio che alterna le sequenze del primo Mafia con le corrispettive fasi della nuova edizione.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech

Il motore grafico usato per Definitive Edition è lo stesso sfruttato da per il criticato Mafia 3. L’engine ha comunque subito dei miglioramenti, soprattutto per questo riguarda il sistema di illuminazione. Lost Heaven era già incredibile per i tempi, ma il lavoro del remake l’ha resa ancora più viva e attuale.

La città di Lost Heaven è il luogo immaginario in cui è ambientata l’ di Tommy Angelo e della famiglia mafiosa Salieri. La storia, ambientata negli anni ’30, ci racconterà come Angelo si troverà a raccontare al Detective Norman tutti i retroscena della sua vita criminale.

Proprio per i nostalgici che si sono persi le ultime novità, consigliamo di guardare la fase di gameplay mostrata al Future Games Show. Protagonista di questa sessione di gioco è una delle missioni più iconiche del mitico titolo originale.

Inoltre, gli sviluppatori hanno pensato anche agli appassionati che vogliono vivere l’esperienza del remake più vicina possibile al gioco del 2002. Infatti, è selezionabile la difficoltà Classica.

Ricordate che potremo giocarci sulle console next-gen PlayStation 5 e Xbox Series X grazie alla retrocompatibilità che sarà supportata.

Fonte: GamingBot