Unreal Engine 5: un artista ci mostra come creare un gioco di supereroi utilizzando la demo di The Matrix Awakens!

the-matrix-awakens-unreal-engine-5

“Dov’è ora Neo?” chiedeva Morpheus a Link alla fine del primo Matrix. “Fa Superman, hai presente?” rispondeva Link. Il primo capitolo della quadrilogia si chiudeva facendoci capire che Thomas ‘Neo’ Anderson avesse ottenuto il pieno controllo sulle sue capacità di ‘Eletto‘. Fast forward all’estate del 2020 quando, durante il Summer Game Fest, presenta per la prima volta Unreal Engine 5. Si tratta di una versione ulteriormente migliorata del motore grafico più famoso e utilizzato al mondo. Avanti ancora di qualche mese e, a poca distanza dal debutto al cinema del quarto film, su PlayStation 5 e Xbox Series X fa la sua apparizione The Matrix Awakens, una tech in Unreal Engine 5 che ci dà un assaggio di vera next-gen.

Mettete insieme gli elementi. Un artista lo ha già fatto e ha pensato bene di utilizzare Unreal Engine 5 e l’ambientazione di Matrix Awakens per farci vedere come si comporterebbe Neo una volta acquisiti i suoi pieni poteri. Nel video – che potete vedere poco sotto – vedremo l’eletto volteggiare per i cieli della città. Proprio come Superman. A realizzare questa piccola opera è l’utente VolodXYZ. Il suo lavoro è stato postato su twitter. Come ammesso dallo stesso utente sono stati utilizzati i presets del CitySample utilizzati per Matrix Awakens e sono state poi aggiunte alcune meccaniche. Implementato il volo del personaggio e la ‘chaos physics‘.

Il risultato è strabiliante. Ve lo proponiamo di seguito. I filmati non durano poi molto, ma quanto basta per godersi appieno le meccaniche e le potenzialità che Unreal Engine 5 promette di offrire ai developer che lo utilizzeranno per i loro prossimi giochi.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech-drop-Ps5-Xbox-RTX

Cosa ne pensate? Promette bene, non è vero? Chissà che non venga fuori un titolo dedicato a Superman magari. Non che ci voglia molto, sia chiaro, ma supererebbe di gran lunga l’obbrobrio uscito su Nintendo 64 diversi anni fa.

Fonte: Twitter